FACCIAMO NUOVAMENTE CHIAREZZA

Alla luce della reiterate iniziative di alcuni studi legali di tenere delle videoconferenze con gruppi di lavoratori sulle cessioni di ramo previste dalla Bnl, della confusione e degli equivoci che queste generano, ribadiamo che UNISIN è estranea a queste iniziative e che le stesse non sono riconducibili ad UNISIN.

 

Prendiamo, pertanto, le distanze e, al fine di evitare incomprensioni, la convenzione a suo tempo stipulata con lo studio legale Cirillo è da considerarsi revocata.

 

Per quanto concerne le iniziative dello Studio legale Bolognesi, teniamo a precisare che nessun rapporto intercorre tra questi e la nostra Organizzazione.

 

Comprendiamo l’apprensione dei colleghi appartenenti al perimetro delle cessioni e rassicuriamo tutti che la partita non è ancora chiusa. Il Sindacato tutto è impegnato in una dura vertenza col fine di evitare l’espulsione dei lavoratori dal perimetro del Gruppo Bnl. Questo è il vero fine che il Sindacato e i lavoratori si pongono. Continuate a riporre fiducia nell’azione sindacale perché il momento è decisivo.

 

Unisin, è opportuno ricordarlo, ha fondato la propria crescita nel Gruppo Bnl sulla serietà, la professionalità, la determinazione, l’affidabilità e la disponibilità della propria squadra e sulla crescente fiducia che in tanti, sempre più numerosi, ci hanno accordato.

 

Non abbiamo mai fatto e non intendiamo fare oggi proselitismo sulle incertezze circa il destino dei colleghi (oggi 900, domani chissà quanti altri). Intendiamo, invece, continuare ad agire unitariamente con tutte le altre Organizzazioni Sindacali per impedire le cessioni.

 

Se arriverà il momento delle cause, il Sindacato si farà trovare, come sempre, pronto e attrezzato.