Solo i Lavoratori Sono… “Stronger Together”

Il 29 novembre 2021 si è svolta l’assemblea congiunta dei lavoratori di Orizzonte Europa, Aldobrandeschi, Pratica di Mare e part-time della Rete di Roma sul piano industriale 2022-2025 della BNL. Essa si inserisce in un programma di assemblee pianificate in tutta Italia e che si concluderanno i primi giorni di dicembre.

L’assemblea è stata molto partecipata e le lavoratrici e i lavoratori hanno condiviso la scelta di opporsi alla volontà della proprietà di “espellere” oltre 830 colleghe e colleghi dal perimetro BNL nonché al forte ridimensionamento della Rete.

In questo piano non c’è nessuna visione industriale! Semmai c’è una visione finanziaria!

Nella consueta logica che vede i vari AD passare per le aziende, lanciarsi verso rampe altissime e poi cadere nel dimenticatoio.

Quando va bene di questi personaggi ci rimane qualche immagine, tipo l’orologio sopra il polsino di quello, il maglioncino di quell’altro ed eventualmente l’inflessione francese dell’altra.

Questo piano ha logiche incomprensibili a meno che la riduzione del costo del personale non sia considerata una “grande innovazione” verso una “transizione digitale”…

L’atteggiamento arrogante con il quale è stato presentato il piano, la chiusura ad ogni tentativo di negoziato, la scelta di cedere attività e colleghe e colleghi strategici a s.r.l. senza garanzie di solidità, ci spingono ad essere fortemente determinati a respingere il piano 2022-2025.

Non possiamo accettare, dopo i sacrifici chiesti nel precedente piano (solidarietà, esodi…), lo strumento della “cessione di ramo di azienda”: lo riteniamo un pericoloso precedente che potrà riguardare, nel prossimo futuro, altri ambiti aziendali. La strategia aziendale è arida: manca la minima considerazione per la persona.

Gli interventi sulla chat alla fine hanno evidenziato che l’assemblea ritiene necessaria un’azione di mobilitazione di tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori, con diversi strumenti e modalità proposte che verranno vagliate alla fine del ciclo assembleare, perché INSIEME SIAMO PIU’ FORTI

Scarica il comunicato